La progettazione in ottica transdisciplinare e nel processo di inclusività


Corso di aggiornamento (180.00 EUR, 200 ore)


Descrizione:

Ogni impresa umana, individuale o collettiva, privata o pubblica, inizia la propria attività secondo un disegno, un progetto, un’idea. La programmazione è quindi un processo universale legato a uno specifico modo di pensare e di affrontare la realtà per poterla trasformare. È un’impostazione nel metodo di lavoro fondata sulla ricerca e individuazione dei problemi, passando poi all’analisi della domanda formativa e all’ideazione degli interventi che possa soddisfare la domanda iniziale. La programmazione può essere quindi a più livelli: programmazione scolastica; programmazione educativa; programmazione didattica.

Inoltre, il concetto chiave dell’approccio educativo inclusivo è la centralità della persona. Molti sono gli interventi istituzionali che tengono conto della singolarità di ogni persona, del suo contesto di vita, della sua crescita originale. Ogni individuo è portatore di bisogni specifici che lo connotano e ne fanno una persona unica e irripetibile.

Attuare interventi adeguati, già in fase di progettazione, nei riguardi delle diversità per fare in modo che non diventino disuguaglianze, è l’obiettivo di numerosi riferimenti normativi in materia di inclusione.

Il corso si propone di fornire:

  • una panoramica delle metodologie e degli strumenti utili alla facilitazione dell’apprendimento,
  • una conoscenza approfondita del curricolo verticale, con proposte concrete,
  • il quadro normativo di riferimento e l’approccio metodologico ai BES e DSA,
  • la competenza per realizzare una progettazione didattica in ottica transdisciplinare.

Piano di studi:

INSEGNAMENTO
Metodologie e strumenti utili alla facilitazione dell’apprendimento
Metodologie e strumenti utili all’incremento dei livelli di motivazione
Il quadro normativo di riferimento
L’approccio metodologico ai DSA
L’approccio metodologico ai BES
Le ICT per l’inclusione